System change, not climate change!

Ogni anno in Italia sono 80.000 i decessi non accidentali legati all’inquinamento atmosferico. Stando ai freddi numeri, significa che in media in una cittadina di 40.000 abitanti come Schio sono…

Leggi →

Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare di Parma) monitori effetti inceneritori e cementifici su colture e allevamenti

Andrea Zanoni chiede alla Direttrice dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare uno studio sugli effetti dell’incenerimento di rifiuti su colture e allevamenti limitrofi. “Preoccupano inceneritori di Brescia, Parma e Russi (Ravenna). Alte emissioni inquinanti dei cementifici nel trevigiano e padovano”.

Il 26 novembre in piazza per l’acqua, i beni comuni e la democrazia

Il 26 novembre in piazza per l’acqua. I beni comuni e la democrazia Per il rispetto dell’esito referendario, per un’uscita alternativa dalla crisi Il 12 e 13 giugno scorsi la maggioranza assoluta del popolo italiano ha votato per l’uscita dell’acqua dalle logiche di mercato, per la sua affermazione come bene comune e diritto umano universale…

Manifestazione contro la Pedemontana

5/11 ore 17 – Si è conclusa la manifestazione a Mason, zona industriale di Villa Raspa, a cui hanno partecipato molte persone (circa 300) in rappresentanza di realtà in lotta o sensibili sul tema dei beni comuni, dalla Piazza dei beni comuni di Vicenza, a Montecchio Slegata, al Comitato di Posina, ai comitati della zona…

La tecnocrazia, la moneta ecosostenibile e le reti elettriche intelligenti

La tecnocrazia, la moneta ecosostenibile e le reti elettriche intelligenti di Patrick M. Wood PARTE 1: La “Carbon Currency”: un nuovo inizio per la tecnocrazia? I critici che pensano che il dollaro USA sarà un giorno sostituito da una nuo­va moneta globale forse pensano troppo in piccolo. Sull’orizzonte mondiale si profila una nuova valuta globale…

Napoli, applicato l’esito referendario: l’acqua diventa pubblica

Il Comune di Napoli è il primo ad aver reso concreta la scelta referendaria di giugno scorso, in cui 27 milioni di cittadini hanno deciso di escludere i privati nella gestione del ciclo delle acque. E’ stata infatti approvata la delibera per la trasformazione dell’Arin s.p.a (Azienda risorse idriche napoletane), in un’azienda speciale a carattere…