Thiene – Vicenza. Ecco chi sono i ” bravi ragazzi ” di Forza Nuova.

merde

Poche ore sono passate dal post shock comparso sul profilo di Forza Nuova Vicenza sulla vicenda di Emmanuel, ucciso per mano fascista da un militante di Casa Pound, e giudicato un verme disertore dal post preso in questione. Post prontamente rimosso, evidentemente è apparso troppo politicamente scorretto anche ai vertici della formazione neofascista che in…

Google+Share

Euskal Herria: niente di nuovo sotto il sole?

images

Euskal Herria: niente di nuovo sotto il sole? (Gianni Sartori)   Diciamolo francamente: dalla liberazione di Arnaldo Otegi era lecito aspettarsi di più: un consistente rilancio della via basca all’indipendenza e al socialismo (“bietan jarrai ”). Invece sembra quasi che al momento la ruota della Storia in Euskal Herria stia girando a vuoto. Ricapitoliamo. Negli…

Google+Share

Non solo Pfas e Miteni. Quando amianto, mercurio e rifiuti…

i-rifiuti-tossici-nellautostrada-valdastico-scarti-industriali

Quando amianto, mercurio e rifiuti tossici vengono usati per scuole e autostrade DI PAOLO FANTAUZZI Uno dei caselli della nuova autostrada A35 BrebemiPiù che sotto il tappeto, la “polvere” è finita nei manufatti che ci circondano. Autostrade, ferrovie, parcheggi, infrastrutture varie, abitazioni civili, perfino scuole: quasi non c’è tipologia di costruzione che, stando alle inchieste degli…

Google+Share

Idroelettrico in Val di Tovo….anche NO

conferenza

Idroelettrico in Val di Tovo….anche NO Tutto cominciò nel 2015, quasi per caso, quando i valligiani son venuti a conoscenza dell’intenzione di costruire una centralina idroelettrica sfruttando un rio inserito in un ambiente incontaminato e vergine e che avrebbe irrimediabilmente deturpato la meravigliosa valle in cui è inserito….  da questa preoccupazione è partita una mozione…

Google+Share

Per un’ecologia del comune

socialismo-ecologico

Per un’ecologia del comune di Stefania Barca 20 / 6 / 2016  Mi è stato chiesto di contribuire al dibattito a Sherwood sulla crisi climatica e vorrei farlo concentrandomi sulla questione: Come costruire una coscienza ecologica del lavoro, o meglio una coscienza ecologica di classe? Si tratta di una domanda che scaturisce in parte dalla storia politico culturale…

Google+Share

L’altra metà del made in Italy

Toffanin

L’altra metà del made in Italy di ROBERTA FERRARI Una versione abbreviata di questa recensione è stata pubblicata su «Il Manifesto» del 9 giugno 2016. «Noi lavoranti a domicilio abbiamo speso ognuna un milione; per 10.000 che siamo equivale a 10 miliardi per comprare “le nostre fabbriche casalinghe”, cioè le macchine. In compenso, quasi nessuna ha il…

Google+Share

INVITO A DIFFONDERE – Sulle polemiche a partire da articoli su AltovicentinOnLine su CSA Arcadia

images

INVITO A DIFFONDERE – Sulle polemiche a partire da articoli su AltovicentinOnLine su CSA Arcadia In questi giorni, un articolo apparso su AltoVicentino Online rivolge gravi e pesanti valutazioni riguardo al ruolo del Centro Sociale Arcadia di Schio e alla qualità dei suoi attivisti. Non vogliamo entrare nel merito di personali quanto improprie nevrosi che…

Google+Share

The Jobs Act Effect: dall’Europa all’Italia e ritorno

images

The Jobs Act Effect: dall’Europa all’Italia e ritorno di LAVORO INSUBORDINATO L’«entusiasmo» per il presunto aumento dell’occupazione e della stabilità dei rapporti di lavoro prodotto dal Jobs Act è durato ben poco. Nel primo trimestre del 2016 i dati rivelano un netto calo di assunzioni in coincidenza della riduzione degli sgravi fiscali. L’aumento delle assunzioni è…

Google+Share

RICORDO DI MUHAMMAD ALI, SPLENDIDO DISERTORE

o-MUHAMMAD-ALI-facebook-300x150

RICORDO DI MUHAMMAD ALI, SPLENDIDO DISERTORE che volava come una farfalla ma pungeva come un ape       in bottega, qui, avevamo ricordato il suo rifiuto di andare in Vietnam e anche il poeta: Muhammad Alì rifiutò di andare sotto le armi di Francesco Masala (*) e di Energu “Nessun Vietcong mi ha mai chiamato sporco negro!”   …il 28 aprile…

Google+Share

REPORT MORTI SUL LAVORO 2016

foto

REPORT MORTI SUL LAVORO 2016 Finalmente assistiamo a un calo delle morti per infortuni sui luoghi di lavoro, rispetto al 31 maggio del 2015. Un calo abbastanza importante, dell’8,5%. Ma se lo andiamo a rapportare al numero di morti dei primi 5 mesi del 2008, anno d’apertura dell’Osservatorio, il calo è inesistente. Altro che costante calo delle morti…

Google+Share